You are here

Calcolo delle calorie

Molte persone che seguono una dieta trovano qualche difficoltà nel calcolo delle calorie.

Vale quindi la pena di chiarire alcuni aspetti. Il concetto di caloria è tratto dalla fisica e rappresenta la quantità di energia necessaria per alzare di un grado la temperatura di un litro d'acqua. A titolo di curiosità, per farvi un'idea di cosa significa, pensate per esempio che le 400-500 calorie contenute tipicamente in una barretta di cioccolata da un etto sarebbero sufficienti per portare a ebollizione cinque litri d'acqua!

Ai fini della dieta è naturalmente più interessante conoscere l'apporto calorico dei diversi cibi, e a questo proposito potete consultare le tabelle nutrizionali cliccando sull'apposita voce di menu in alto su questa pagina.

Siccome però non sempre è possibile andare in giro con le tabelle nutrizionali, conviene avere un paio di punti di riferimento per poter fare qualche calcolo rapido nelle situazioni fuori di casa, o quando si è di fretta.

Prima di tutto, per calcolare le calorie abituatevi a ragionare in etti, da una parte, e in centinaia di calorie dall'altra.

Sulle confezione troverete normalmente indicazioni del tipo: 300 KCal per 100 grammi di alimento, e se cominciate ad abituarvi a pensare in questi termini, vi riuscirà molto più semplice verificare al primo colpo d'occhio se un certo cibo presenta più o meno calorie rispetto alla media di quel genere di alimento, in che misura potrà appesantire il vostro bilancio calorico giornaliero, se ve lo potete permettere, e così via.

In linea di massima, l'apporto calorico dei diversi cibi tende a oscillare intorno a questi tre valori fondamentali:

Carboidrati e zuccheri: circa 400 KCal per un etto;

Grassi e olio: circa 900 Kcal per un etto;

Proteine: circa 400 KCal per un etto;

Naturalmente sono possibili varianti anche significative in base allo specifico tipo di cibo che rappresenta le diverse categorie, e per questo servono appunto le tabelle nutrizionali e le indicazioni sulle confezioni, ma in linea di massima è bene sapere che i valori oscillano tendenzialmente intorno alle cifre indicate.

I passaggi necessari per arrivare a stabilire quante calorie possiamo permetterci in ciascun pasto, nel caso di una dieta ipocalorica con tetto massimo di calorie,sono esposti nell'articolo: Calcolo della calorie nella formazione del menu giornaliero