Il divieto di merendina fa ingrassare il bambino.

Una ricerca condotta dal dott Brunstrom (lo stesso autore dello studio che dimostrava i rischi degli alimenti cosiddetti ipocalorici, trattato in un precedente articolo) ha scoperto che i bambini ai quali sono stati quasi sempre vietate le merendine, i dolci o il cioccolato, hanno maggiori probabilità di diventare obesi, perché tendono a sopravvalutare il quantitativo di cibo che sarebbe opportuno mangiare.

A un gruppo di bambini di età compresa tra 10 e 12 anni sono stati offerti snack e merendine poco salutari e si è chiesto loro di valutare quale quantitativo di tali dolciumi dovrebbe essere considerato eccessivo.

La dieta dell'insalata contro la cellulite

Con l'arrivo dell'estate la cellulite torna a tormentare le italiane di ogni età: un problema che colpisce l'80% delle donne dai 20 anni poi.

Si tratta di un'alterazione del tessuto adiposo, che da omogeneo diventa prima edematoso, poi nodulare, quindi fibronodulare.

Ma non bisogna disperare, una delle armi più potenti a disposizione delle donne che vogliono contrastare l'inestetica buccia d'arancia è rappresentata da un regime dietetico che ponga un argine alla ritenzione idrica, e a tale scopo non c'è niente di meglio che una sana e tipica insalata estiva.

Gene smart diet

Arrivano dagli USA, e precisamente dalla Wake Forest University School of Medicine di Winston Salem, in North Caroline, gli ultimi studi sulla reale natura dell'obesità e degli squilibri che provoca.

Secondo queste ricerche, pubblicate sul libro del Dr. Chilton "The Gene Smart Diet" (Rodale Books, June 2009) Ski”,  il punto cruciale risiederebbe nella relazione tra alimentazione e geni.

Lo yogurt nella dieta

Lo yogurt è un alimento naturale originato dalle fermentazione del latte grazie all'azione di piccoli batteri benefici: i fermenti lattici.

I fermenti lattici, una volta che sono presenti nel latte, lo trasformano in  yogurt.

Ecco perchè sotto certi aspetti, in particolare ai fini della dieta, equivale al latte intero. Può quindi essere consumato all’interno di un'alimentazione adeguata, sana e corretta, al mattino, a colazione, e negli spuntini.

Bisogna però distinguere lo yogurt più grasso da quello meno grasso.

Obama mette tutti a dieta

Mantenersi in forma e fare esercizio fisico. Il presidente degli Stati Uniti Barack Obama lo fa ogni giorno, questa è la sua filosofia di vita.

Ben più difficile sembra l'impresa di convincere gli americani appassionati di hamburger e patatine fritte, che adorano poltrire nel divano davanti la tv, a cambiare regime alimentare e stile di vita per seguire il suo esempio e mettersi a dieta.

L’inquilino della casa bianca controlla ogni giorno la sua alimentazione e si ritaglia un po' di tempo per fare esercizio fisico.

La dieta "dinner cancelling": a letto senza cena.

Arriva dall Inghilterra l'ultima dieta dieta di moda, questa volta detta “dinner cancelling” (“eliminando la cena”), ed è una nuova tendenza alimentare che sta facendo proseliti soprattutto in Germania.

L'autrice, Dieter Grabbe, assicura che la Dinner-Cancelling è una dieta sicura del tutto priva delle complicazioni comuni ad altri regimi alimentari.

Dieta e sessualità femminile: mediterranea è meglio.

Una ricerca presentata oggi al Congresso nazionale di endocrinologia a Sorrento dimostrerebbe che mangiare seguendo la dieta mediterranea aiuta la donna a sentirsi meglio con la propria sessualità.

Il gelato nemico della linea? Solo se si esagera.

Ma è davvero il gelato il rischio più grave per la nostra linea in questi mesi di avvicinamento all'estate e alla tanto temuta prova costume?

Secondo alcuni sarebbe invece possibile perdere circa 4 Kg in un mese mangiando il gelato al posto del solito toast con un programma alimentare ipocalorico.

Il gelato è infatti un alimento completo che può sostituire perfettamente il pranzo di mezzogiorno. Il segreto è tutto qui: mangiate pure il gelato, ma "al posto" di qualcos'altro, e non in più, oltrealla solita dieta.

Chi dorme non piglia peso: dimagrire fa rima con dormire.

A quanto pare il sonno, contrariamente a quanto si potrebbe pensare, rappresenta un momento della nostra vita nel quale perdiamo peso.

Almeno secondo una ricerca condotta dai medici della Walter Reed Army Medical Center di Washington DC, che rivela come chi dorme almeno 7-8 ore al giorno si trova più in forma rispetto a chi ha problemi di insonnia.

In pratica sembrerebbe che, se non si riposa bene, il metabolismo rallenta e si scatenano gli attacchi di fame a tutti gli orari. Secondo un’altra ricerca, se non si dorme almeno 7-9 ore a notte si ha il 75% di probabilità in più di ingrassare…

Dieta e scommesse: sfida all'ultimo grammo

Mettersi in gara è anche un modo per rendere un po' più divertenti le rinunce e gli sforzi che inevitabilmente tocca fare quando bisogna buttar giù i chili di troppo, secondo la teoria di Rena Wing, la psichiatra della Brown University che ha ideato la competizione Shape Up Rhode Island 2007 , una gara che ha coinvolto oltre 4.700 abitanti dello Stato americano di Rhode Island.

Quindici dollari l'iscrizione (per molti pagata dai datori di lavoro: avere dipendenti obesi significa infatti rischiare di dover fronteggiare per loro un numero maggiore di spese mediche), premio in palio la perdita dei chili di troppo.

Pagine

Subscribe to Front page feed