L'antidieta di Mimi Spencer

copertinaMimi Spencer, fashion editor inglese, ex donna a dieta e attenta analista dei costumi delle sue coetanee in carriera al di qua e al di là dell’Atlantico, ha raccolto in un tosto volume di 320 pagine (101 cose da fare prima di mettersi a dieta) tutti, ma proprio tutti, i possibili rimedi per riconciliarsi col proprio corpo - e dunque col proprio bikini, marito, fidanzato, immagine pubblica… - diversi da quello di fare i conti con le calorie.

Ritrovare la linea con i fanghi

Sono moltissime, oggi, le donne che si affidano ai fanghi per ritrovare benefici e salute.

I fanghi combattono le rughe perché apportano sulla pelle il silicio, il magnesio, il rame e lo zinco, che producono collagene ed elastina, rivitalizzano le cellule della pelle, ritardano il processo d'invecchiamento, rassodano la pelle e rafforzano i muscoli del viso.

In forma con la dieta di Madonna

Tutte vorrebbero avere la linea di Madonna, che a cinquant’anni continua ancora a stupirci per quanto si presenta bella e tonica.

Calcolo delle calorie

Molte persone che seguono una dieta trovano qualche difficoltà nel calcolo delle calorie.

Vale quindi la pena di chiarire alcuni aspetti. Il concetto di caloria è tratto dalla fisica e rappresenta la quantità di energia necessaria per alzare di un grado la temperatura di un litro d'acqua. A titolo di curiosità, per farvi un'idea di cosa significa, pensate per esempio che le 400-500 calorie contenute tipicamente in una barretta di cioccolata da un etto sarebbero sufficienti per portare a ebollizione cinque litri d'acqua!

L'indice di sazietà

Il concetto di sazietà è molto importante per la riuscita di una dieta, perchè il potere saziante dei cibi è una variabile chiave per controllare lo stimolo della fame, che è il vero nemico di tutte le diete.

Ogni dieta dovrebbe combinare i cibi in maniera tale da evitare il più possibile lo stimolo della fame, molte diete teoriche falliscono proprio perché sono irrealizzabili dal punto di vista della sazietà dei cibi.

Ingrassa più la fretta che la gola (Università di Osaka)

Una ricerca giapponese dell'università di Osaka, pubblicata dal British Medical Journal il 21 ottobre 2008, ha dimostrato che trangugiare rapidamente il cibo e mangiare fino a sentirsi completamente sazi aumenta fino a tre volte le probabilità di diventare obesi, rispetto alle persone che che mangiano lentamente e con calma.

Con questo studio, sembra dunque dimostrato che i modelli di comportamento alimentare legati all'avvento del fast food sono ampiamente responsabili della pandemia di obesità.

Il professor Hiroyasu Iso e i suo colleghi hanno reclutato 1.122 uomini e 2.165 donne di età compresa tra 30 e 69 e hanno chiesto a ognuno di monitorare strettamente le loro abitudini alimentari e l'andamento dell'indice di massa corporea, indice appunto del grado di obesità.

Dal 23 ottobre a Torino, Terramadre per una nuova cultura alimentare

Dal 23 al 27 ottobre 2008, contemporaneamente al Salone del Gusto, si svolgerà a Torino l’incontro mondiale di Terra Madre. 

Sovrappeso lieve: perdere 5 kg senza farsi male.

Giungono sempre più numerose mail di lettori che forniscono i propri dati di altezza e peso e chiedono un consiglio sulla dieta da seguire.

Del tipo: sono alto 1,80 e peso 91 kg. lavoro in ufficio e faccio sport due volte la settimana, che dieta mi consiglia? Oppure una ragazza di 18 anni, anche lei in moderato sovrappeso, ama la pizza e il cioccolato e chiede un consiglio per perdere qualche chilo. E altri ancora, il cui peso è di poco sopra la norma.

Voglie improvvise (craving): cosa sono e come controllarle

 

Stai seguendo una dieta, e a un certo punto, di fronte a una tavoletta di cioccolato o a un gelato, ti trovi di fronte a un braccio di ferro terribile tra l'angelo delle buone intenzioni e il diavolo del desiderio?
Metti da parte il senso di colpa. I desideri alimentari improvvisi e incontrollabili come dei raptus (detti appunto food craving, che significa brama, voglia matta) non sono il segno di mancanza di volontà o debolezza di carattere.

Consigli generali per le diete ipocaloriche

Anche se ogni dieta ipocalorica segue i dettami del suo specifico orientamento, i suggerimenti elencati di seguito si riveleranno molto utili per il successo di qualsiasi programma dietetico a basso contenuto di calorie.

Attenersi alla dieta con scrupolo

Tranne nei casi specificati, non si deve rimuovere o aggiungere nessun alimento. In questo modo si garantisce l'assunzione delle sostanze nutritive necessarie per ottenere una perdita di peso efficace.

Rispettare il numero di pasti

E 'molto importante non saltare mai i pasti e fare la prima colazione ogni giorno. Ovviamente, rispettando la quantità di cibo prevista dal programma.

Pagine

Subscribe to Front page feed