You are here

Le diete dei nutrizionisti continuano a perdere la lotta all'obesità: ecco perchè.

Jaime Brugos è uno spagnolo di Madrid che vive a Miami da oltre 15 anni e si dedica da più di trenta a studiare la vera causa del clamoroso insuccesso della scienza della nutrizione, certificato dalla crescente diffusione dell'obesità nei paesi avanzati, con tutti i problemi connessi, di salute e non solo di salute, se si pensa che le assicurazioni applicano ormai tariffe differenziate alle persone obese.

Uno studio pubblicato sulla rivista medica The Lancet rileva che l'obesità appare raddoppiata negli ultimi tre decenni, e attualmente colpisce oltre 500 milioni di persone in tutto il mondo, sembra confermare questa valutazione.

A quarant'anni Jaime Brugos pesava 97 chili, ora che sta per compiere settantadue anni, pesa 76 chili ed è più in forma di quanto sia mai stato in vita sua.

Il nutrizionista, eletto nel 2005 membro del Comitato Scientifico della IFBB (International Federation of Body Building), ha coniato il termine MEGAREXIA, che indica la condizione psicofisica di chi è sovrappeso ma non riesce oppure non vuole riconoscerlo con se stesso o con gli altri.

L'argomento è trattato nei suoi tre libri sulle diete, nell'ultimo suo libro intitolato 'Isodieta: dieta isolipoproteica adelgazante y revitalizadora' (disponibile solo in lingua spagnola) si legge: "Tutta la scienza della nutrizione parte da un falso presupposto", e spiega quale sia, a suo parere,"l'errore scientifico" che avrebbe distorto la ricerca sulla nutrizione per più di cinquant'anni, causando molta sofferenza, malattia e accorciando significativamente la vita delle persone.

Qual è quindi la vera causa del sostanziale fallimento della scienza dell'alimentazione nella lotta contro l'obesità, almeno per quanto riguarda i grandi numeri della su diffusione?

Secondo Brugos, l'errore chiave sta nell'aver combattuto per oltre 50 anni il grasso contenuto nel cibo, che è invece un nutriente essenziale in quanto entra come componente in tutte le nostre cellule ed è fondamentale proprio per la rigenerazione cellulare, mentre la lotta andava rivolta contro il grasso che abbiamo accumulato nell'organismo, che non ha praticamente nulla a che fare con il grasso contenuto negli alimenti.

Con queste premesse, la teoria di Brugos sembrerebbe condurre semplicemente a una dieta a basso contenuto di carboidrati come ce ne sono tante, ma in realtà il ragionamento sviluppato presenta un punto di vista nuovo e interessante, che si può trovare sul libro indicato (solo in spagnolo) e che tratteremo in maggiore dettaglio nei prossimi articoli.