You are here

Le regole della dieta zona

Suddividere i pasti della giornata in 3 pasti principali, più un paio di spuntini, o tre al massimo. La ragione è semplice: in questo modo il metabolismo diventa più rapido favorendo tutti i processi del nostro organismo. Inoltre consente di evitare di mangiare troppo durante un singolo pasto, perché un eccesso di cibi in un solo pasto va a bloccare il consumo di grassi con conseguente accumulo.

Prestare attenzione al rapporto tra proteine e carboidrati, che deve essere pressapoco di tre parti di proteine ogni quattro di carboidrati, ossia un rapporto di 3:4, ovvero di 0,75. In ogni pasto si devono assumere proporzioni di carboidrati, proteine e grassi in modo che il rapporto dell'apporto in calorie sia sia 40%(carboidrati)–30%(proteine)-30%(grassi).

Consumare la prima colazione entro un'ora dal risveglio

 

Terminare la giornata con uno spuntino prima di coricarsi in modo da mantenere costante il livello di "insulinemia" anche durante il sonno

 

Evitare di arrivare a situazioni in cui si prova un senso di fame, perchè in quei momenti si producono stimoli ormonali squilibrati. Non lasciar mai passare più di 5 ore senza mangiare nulla, il ciclo della glicemia determina fame di carboidrati ed il circolo vizioso può continuare senza fine.

Assumere le diverse componenti del pasto, proteine, carboidrati e grassi, a breve distanza tra di loro, evitando quei pasti dove il secondo arriva mezzora dopo il primo.

Scegliere principalmente quei cibi considerati favorevoli, le cosiddette fonti: fonti di proteine, fonti di carboidrati, fonti di grassi.

Non accumulare diverse fonti dello stesso tipo, per esempio tre fonti diverse di proteine in uno stesso pasto.

Preferire i carboidrati a basso indice glicemico: i cibi ad alto indice glicemico inducono l'organismo a produrre molta insulina, che li trasforma in tessuto adiposo

Preparare menu semplici.

Associare sempre almeno una fonte favorevole, quando si decide comunque di assumere una fonte sfavorevole.

Masticare bene

Variare i pasti il più possibile in modo da approvvigionarsi in fasi alterne di tutte le vitamine e di tutti i tipi di proteine.

Non ripetete gli stessi menù ogni giorno uguali.

I cibi proteici si intendono pesati a crudo, mentre le verdure che necessitano della cottura vanno pesate dopo la cottura.

La quantità dell'alimento è libera, salvo indicazione contraria, e dopo ogni pasto è possibile consumare un caffè non zuccherato.