You are here

La zona: più grassi meno carboidrati

La prima volta che leggono "dieta zona" molti pensano a una delle solite diete tipo dimagrisci 10 kg sui fianchi e rimani grasso sul ventre, ma non è così.

In realtà la dieta dimagrante del dottor Sears è moto complicata, ma non tanto per quanto riguarda il tipo di alimenti, si tratta infatti di alimenti comuni, quanto per la teoria stessa della dieta, che richiede un certo impegno di comprensione e anche di calcoli.

Il principio da cui parte Sears è che le diete che riducono i grassi commettono un errore di fondo, in quanto le calorie provenienti dai grassi a cui abbiamo rinunciato vanno reintegrate, e la soluzione è generalmente quella di reintegrarle attraverso i carboidrati, che sono privi di grassi ma ma al tempo stesso sono ricchi di calorie.

Proprio i carboidrati, zuccheri, pane, pasta, hanno fatto crescere a dismisura l’obesità negli Stati Uniti, sostengono Sears e un gruppo sostenitori della dieta zona e di teorici della lotta ai carboidrati. Rimanere nella zona significa arrivare a uno stato di equilibrio ormonale che garantisce il benessere psico-fisico, e di riflesso la forma fisica, ossia perdere peso e di conseguenza dimagrire naturalmente.

La zona è infatti quello stato metabolico in cui l'organismo lavora al suo massimo picco d'efficienza, secondo Sears, bisogna quindi porre sempre la massima attenzione ai dosaggi della quantità ideale di cibo da ingerire.